Dieta Chetogenica Italia

Il sito numero uno in Italia sulla dieta chetogenica

Mal di testa: una veloce distinzione

Diversi studi mostrano come una corretta dieta chetogenica potrebbe portare a notevoli miglioramenti in persone che soffrono di emicrania e forte mal di testa.

In futuro scriveremo un articolo a riguardo, andando ad analizzare nel dettaglio gli studi e cercando di spiegare, con parole semplici, cosa possiamo effettivamente tratte da questi studi.

In questo articolo però, vogliamo parlare di un’altro fenomeno. Quando iniziano una dieta chetogenica, molte persone hanno poche energie e soffrono di mal di testa, a volte anche molto pesante.

Vuoi leggere libri di ricette sulla dieta chetogenica gratuitamente? Oggi ti spieghiamo come fare nel nostro articolo dedicato. Clicca qui per leggerlo!

Che cos’è “l’Influenza chetogenica”?

Durante i primi giorni di dieta chetogenica alcune persone sperimentano quella che, a tutti gli effetti, sembrerebbe essere influenza. I sintomi sono gli stessi e alcuni pensano che la dieta chetogenica non si adatta ai loro corpi.

Uomo che soffre di mal di testa
Non server soffrire il mal di testa. Puoi seguire i nostri consigli

L’Influenza chetogenica è una manifestazione della dipendenza del tuo corpo dai carboidrati. Il corpo sta essenzialmente andando incontro ad una “astinenza da zuccheri” e sta piano piano cambiando la sua primaria fonte di energia. I sintomi solitamente se ne vanno nel giro di qualche giorno.

Entrando più nel dettaglio, la causa è un temporaneo cambiamento nel livello degli elettroliti.

Elettroliti: cosa sono e come posso ribilanciarli?

Sodio, potassio e magnesio vengono definiti elettroliti. Sono tutti elementi contenuti in natura all’interno dei cibi. All’inizio di una dieta chetogenica è operdere molti liquidi e questo fa si che gli elettroliti non siano più equilibrati.

I livelli consigliati (da Lyle McDonald nel suo libro intitolato The Ketogenic Diet) sono i seguenti:

Sodio5000 mg
Potassio1000 mg
Magnesio300 mg
Sali minerali
Il sodio e gli altri sali minerali sono importantissimi per combattere il mal di testa in una dieta chetogenica

La maggior parte delle persone non avrà problemi a raggiungere queste quantità semplicemente tramite gli alimenti mangiati quotidianamente. Ecco una breve lista di alimenti in cui è possibile trovarli:

  • Sodio: affettati, formaggi, tonno in scatola, sale rosa dell’Himalaya, condimenti per insalata a basso contenuto di carboidrati
  • Potassio: spinaci, avocado, funghi, salmone, bistecche, carne di maiale, Sale sostitutivo (ricco di potassio)
  • Magnesio: spinaci, avocado, caffé, mandorle, pesce, sale rosa dell’Himalaya

Attenzione!

Persone con particolari problemi non dovrebbero consumare sostituti per il sale senza aver prima consultato il proprio medico curante.

Ho mal di testa. Come risolvo?

Se hai appena intrapreso una dieta chetogenica e soffri di mal di testa la causa è probabilmente degli elettroliti. Le soluzioni sono diverse e tutte molto semplici:

  • Aggiungi un po’ più di sale ai tuoi cibi
  • Mangia i cibi consigliati sopra per integrare potassio e mangesio
  • Se fai tanto sport le dosi consigliate potrebbero non essere sufficienti. Prova ad aumentarle un po’.
  • Puoi acquistare un semplice integratore di potassio e magnesio (come questo per esempio)

Segui questi semplici consigli e nel giro di qualche ora il mal di testa dovuto alla tua dieta chetogenica svanirà e ti sentirai molto meglio!

Dopo quanto tempo il mio corpo si adatterà ad una dieta cheteogenica?

In realtà, la risposta varia da persona a persona. Solitamente però possiamo identificare 3 fasi principali:

  1. Inizio della dieta chetogenica: Si perde molto peso (principalmente acqua) e si inizia a sentire un po’ di fatica/mal di testa. Il corpo ha iniziato a cambiare la fonte di energia. Questo è il momento più importante in cui è necessario prestare maggiore attenzione agli elettroliti.
  2. Adattamento alla chetosi: Il corpo trova un nuovo equilibrio. La perdita di peso può arrestarsi per qualche giorno. Il mal di testa passa e si inzia a sentire una nuova energia.
  3. Adattamento completato: Generalmente, dopo 3-4 settimane il corpo a imparato a bruciare il grasso per ricavare energia. Il cervello inizia ad usare principalmente chetoni. La perdita peso ricomincerà e, seppur non completamente linea, sarà per lo più costante. Vi sentirete pieni di energia, dinamici e riuscirete a mantere la concentrazione per più tempo. La lista di benefici potrebber continuare a lungo, ma avremo modi di approfondirli in articoli dedicati.
Donna rilassata che fa jogging
Il primo periodo è un po’ duro, ma i vantaggi ne valgono la pena

Conclusione

Il cambiamento da una dieta più tradizionale ad una dieta chetogenica non è semplice e presenta diversi ostacoli.

Con i giusti consigli è possibile minimizzare questi effetti, ma ci dovrà essere una grande forza di volontà anche da parte dell’individuo.

Come diciamo sempre però, passata la fase iniziale, vi sentire bene, energici e più attenti. Perdere peso senza fatica (entreremo nel dettaglio di questa affermazione in uno dei prossimi articoli) e vi accorgerete di essere più in salute.

Alla fine, l’unica cosa di cui vi pentirete sarà di non aver iniziato prima questo magnifico cammino.